Terrorismo, le bandiere dell’Isis nei villaggi dell’Albania. „Una polveriera per la Puglia“

January 7, 2017

Terrorismo, le bandiere dell’Isis nei villaggi dell’Albania. „Una polveriera per la Puglia“

La Repubblica

Terrorismo, le bandiere dell'Isis nei villaggi dell'Albania. "Una polveriera per la Puglia"
I fenomeni di radicalizzazione oltre l’Adriatico preoccupano l’intelligence italiana: sul territorio pugliese ci sono comunità originarie dei villaggi su cui sventolano le bandiere del Califfato

di GIULIANO FOSCHINI

È dal mare Adriatico che arriva oggi uno dei principali allarmi per il terrorismo in Italia. E la Puglia è frontiera di questo rischio. Nulla c’entrano i flussi migratori. L’allerta non riguarda né i barconi di disperati che attraccano per lo più sulle coste del Salento né le migliaia di richiedenti asilo che, in attesa del permesso di soggiorno, vengono portati nei Cara di Bari e Foggia o nell’hotspot di Taranto.

L’allarme arriva dall’Albania. Dove i nostri servizi di intelligence, così come quelli della maggior parte dei Paesi occidentali, hanno lanciato l’allerta radicalizzazione: in alcuni villaggi, e in particolare quelli ai confini del Kosovo, da tempo sventola la bandiera nera dell’Isis. E sono sempre più i casi di radicalizzazione. „Sta diventando una polveriera“ ragiona una qualificata fonte investigativa italiana. „E in questo senso l’Italia diventa un paese esposto. E la Puglia in particolare“. Questo per via della vicinanza geografica, della presenza di comunità fortemente radicate e per quegli stretti collegamenti tra criminalità organizzata e traffico internazionale di stupefacenti.

Il caso Albania. Sin dalla nascita dello Stato islamico un numero importante di foreign fighter è partito dai Balcani occidentali, e dall’Albania soprattutto. Se ne stimano mille almeno. Negli ultimi 12 mesi, però, il flusso si è notevolmente ridotto. Non è un caso: la perdita di terreno in Siria ha spinto l’Isis a bloccare i viaggi di chi si vuole arruolare per spostare, appunto, il conflitto in Occidente. Non a caso le intelligence europee segnalano una radicalizzazione sempre più profonda proprio in questi mesi. Un allarme che in un certo modo le autorità albanesi stanno cercando di fronteggiare.

Nove persone sono state condannate per reclutamento, si sta cercando di fare un lavoro sulle moschee seppur 89 sembrano essere completamente fuori controllo. I servizi albanesi hanno segnalato come „fortemente pericolosi“ una decina di imam, due dei quali sono però in carcere. Il più pericoloso di loro, Almir Daci, dovrebbe essere morto ad aprile scorso in Siria: è lui che da Leshnica, la città nel sud-est dell’Albania dove reggeva la moschea che ha radicalizzato centinaia di uomini. I ragazzi di Leshnica, Zagorcan e Rremeni sono quelli che ora fanno tremare l’Europa.

der desaströse und korrupten Westen: Die Bosnier pfeifen auf Brüssel und Berlin

Die einzige Politik ist, der Westlichen Wertegemeinschaft<. Hauptsache es gibt viele gute Posten, für Nichtstun und um die eigene Profil Neurose zu befriedigen „Christian Schwarz-Schilling und die Bosnien Kriminellen wie: Alija Delimustafic“

Thousands of people took to the streets of Banja Luka on Monday, to celebrate the 25th ‚Statehood Day‘ of the Republika Srpska, despite last year’s ban issued by the Bosnia and Herzegovina’s Constitutional Court.

Milorad Dodik wurde zur Vereidigung von Donald Trump eingeladen

Jo Biden

Höchste Orden für die korruptesten Bastarde, wie bei Georg Tenet ebenso